GAL GIAROLO LEADER S.R.L.

Riferimenti pagina
Navigazione
Testo
Accessibilità

Home
cerca:
ItalianoEnglish

Programma di Sviluppo Rurale della Regione Piemonte

 COS’E’ IL PSR?

Nell’ambito della politica di sviluppo rurale dell’Unione Europea https://ec.europa.eu/agriculture/rural-development-2014-2020_it, finanziata dal fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR), la Regione Piemonte ha elaborato per il periodo di programmazione 2014-2020 il Programma di Sviluppo Rurale (PSR).

Il PSR individua i fabbisogni dell’agricoltura e del mondo rurale piemontese e le iniziative per farvi fronte mediante l’utilizzo di circa 1 miliardi di euro di finanziamento pubblico, disponibile per il periodo di 7 anni 2014-2020.

http://www.regione.piemonte.it/agri/svilupporurale

 

COS’E’ LA MISURA 19?

La 19 è una delle Misure di intervento del programma di Sviluppo Rurale 2014-2020, destinata al sostegno allo “sviluppo locale partecipativo-Leader”, realizzato attraverso i Gruppi di Azione Locale (GAL) del territorio, che elaborano specifici programmi di Sviluppo Locale (PSL).

http://www.regione.piemonte.it/agri/psr2014_20/misure_interventi/leader.htm

 

COSA SONO I GAL, IL PSL E L’APPROCCIO LEADER?

I Gruppi di Azione Locale (GAL) realizzano il loro Programma di Sviluppo Locale (PSL) (una sorta di mini PSR declinato sui fabbisogni specifici dell’area Gal) emanando bandi rivolti a beneficiari pubblici e privati. I Gal funzionano da “agenzie di sviluppo locale” per il rilancio economico delle aree rurali di montagna e di collina, e , nell’ambito del CLLD Leader, realizzano una strategia che orienta e sostiene la governance dello sviluppo locale, aggregando e valorizzando realtà economiche e sociali molto frammentate e disperse, caratteristiche dei territori rurali e montani.

LEADER è l’ascronimo di “Liason Entre Action de Developement de l’Economie Rurale” – collegamento tra le azioni di sviluppo dell’economia rurale.

CLLD l’acronimo di “Community Led Local Development” – sviluppo locale di tipo partecipativo.

Il CLLD LEADER è lo strumento comunitario per la crescita economico-sociale di territori specifici gestiti da Gruppo di Azione locale (GAL) mediante una strategia elaborata coinvolgendo le comunità locali (PSL).

La strategia di Sviluppo locale di tipo partecipativo è un insieme coerente di operazioni rispondenti a obiettivi e bisogni locali, che contribuisce alla realizzazione della strategia dell’Unione per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva, concepita ed eseguita da un GAL (art.2 p.to 19 del Reg. 1303/2013).

Con il metodo Leader si muovono in un processo circolare tre elementi fondamentali: il territorio (ogni GAL ha scelto un ambito territoriale ben definito), una strategia (che rappresenta la visione di sviluppo del territorio) e un partenariato pubblico-privato, che lavora insieme per definire la strategia ed implementarla. La strategia locale è tanto più efficace quanto più riesce ad essere un insieme integrato di azioni, non solo una somma di interventi isolati.

Dal 1991, anno in cui partiva la prima Iniziativa Comunitaria Leader I, il Leader ha contribuito al rilancio economico dei territori più fragili e marginali. Le operazioni che nel passato più recente hanno garantito risultati migliori hanno riguardato:

  • La creazione di impresa e lo sviluppo di attività imprenditoriali in un’ottica di filiera e di rilancio turistico;
  • La valorizzazione delle risorse architettoniche e naturalistiche locali;
  • I servizi alla popolazione;

Il Gal ha incentrato la propria Strategia di Sviluppo Locale su 3 ambiti tematici, di cui uno principale, tra i 4 individuati e proposti dalla Regione Piemonte, ritenuti particolarmente adeguati alle caratteristiche socio-economiche e territoriali delle aree ammissibili Leader piemontesi, e per ciascuno ha indicato un percorso attuativo preferenziale:

  1. SVILUPPO E INNOVAZIONE DELLE FILIERE E DEI SISTEMI PRODUTTIVI LOCALI;
  2. TURISMO SOSTENIBILE
  3. VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARCHITETTONICO E PAESAGGISTICO RURALE
  4. ACCESSO AI SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI

 

MAGGIORI INFORMAZIONI

Norme accessibilità, siti web, trasparenza, usabilità – Agenzia per l’Italia digitale

http://www.funzionepubblica.gov.it/norme-accessibilita-siti-web-trasparenza-usabilita#USABILITA\'%27

 

Vademecum “Pubblica amministrazione e social media – Linee guida per i siti web della PA” – Direttiva n. 8/2009 Ministero per la pubblica amministrazione e l’innovazione

http://www.formez.it/notizie/online-il-vademecum-pubblica-amministrazione-e-social-media.html

 

Atti in materia di trasparenza – Autorità nazionale anticorruzione

www.anticorruzione.it/portal/public/classic/AttivitaAutorita/Trasparenza/AttiMateriaTrasparenza

 

Guida per i beneficiari alla realizzazione delle targhe e dei cartelli informativi sul sostegno FEASR

http://www.regione.piemonte.it/agri/psr2014_20/targhecartelli.htm

 

 

 

 


Pagine correlate:
PSL Giarolo "Da Libarna a Coppi: una terra sempre in corsa"

In data 26/07/16 è stato approvato con Determina regionale il PSL Giarolo fase I.

Scarica la Determina   D.D. n. 1912 del 26/07/2016

In data 27/10/2016 la Regione Piemonte ha approvato in via definitiva il PSL Giarolo comprensivo delle fasi I strategia e II dettaglio attività.

Scarica la Determina   D.D. n. 2987 del 27/10/2016

 

Scarica il PSL Giarolo "Da Libarna a Coppi: una terra sempre in corsa"

Relazione pianificazione misura 7.5.2.

 

ANAGRAFE AGRICOLA PIEMONTESE

 SIAP - Sistema informativo agricolo piemontese

A partire dall'inizio dell'anno 2004 è operante in Piemonte un nuovo sistema informativo di supporto alla gestione dei procedimenti amministrativi in materia di agricoltura e sviluppo rurale, comune a tutta la pubblica amministrazione piemontese, denominato "Sistema informativo agricolo piemontese (SIAP)".

L'elemento centrale del sistema è costituito dalla "Anagrafe agricola unica del Piemonte" che contiene, per ogni beneficiario, dati anagrafici, amministrativi e di consistenza aziendale. Tali dati, certificati attraverso la consultazione di banche dati e attraverso la raccolta di documentazione giuridica probante, permettono la predisposizione, l'istruttoria, il controllo e il collaudo delle domande di aiuto o delle autorizzazioni inerenti l'agricoltura e lo sviluppo rurale. Accanto al sistema di supporto alla gestione amministrativa, sono stati sviluppati dei servizi statistici di monitoraggio e sorveglianza del settore agroalimentare piemontese, di consultazione geografica e servizi di supporto ai tecnici in agricoltura.

Alcuni applicativi sono ad accesso libero ed altri ad accesso riservato previa autorizzazione da parte della Regione Piemonte.

L'accesso ai servizi ed agli applicativi avviene attraverso i portali Sistemapiemonte (Agricoltura)

 

Anagrafe agricola unica del Piemonte

Gli utenti

Possono operare sull’anagrafe agricola unica del Piemonte gli operatori della Regione Piemonte, delle Province e dei Centri autorizzati di assistenza in agricoltura (CAA), limitatamente ai soggetti che hanno conferito loro mandato di assistenza. Possono consultare i dati gli altri enti pubblici o le pubbliche amministrazioni che hanno funzioni di sorveglianza e controllo in materia di agricoltura.

Presentazione del servizio

L'Anagrafe agricola unica del Piemonte è il servizio che consente di gestire in modo integrato tutte le informazioni relative alle imprese che intendono avviare procedimenti amministrativi in materia di agricoltura. E' un archivio trasversale a tutti i procedimenti amministrativi, che opera quale motore di servizi a supporto sia della predisposizione delle domande di aiuto, da parte delle imprese e dei loro intermediari professionali autorizzati, sia delle successive fasi d'istruttoria, controllo e collaudo da parte della PA piemontese di competenza. I dati contenuti nell'anagrafe sono di due tipologie:

  • dati certificati provenienti sia da banche dati di competenza del sistema informativo inter-ente (es. registro UMA delle macchine agricole) sia esterne (es. registro imprese della CCIAA);
  • dati garantiti da documentazione probante raccolta nel fascicolo aziendale. Il fascicolo aziendale è depositato presso un ufficio gestore, appositamente costituito presso la PA di competenza, o presso i CAA.

Ogni beneficiario,al fine di potere accedere ai procedimenti amministrativi in materia di agricoltura e sviluppo rurale, dovrà costituire il fascicolo aziendale presso un ufficio gestore e iscriversi all'Anagrafe.

Sistema informativo agricolo piemontese (SIAP) Accredito ai servizi on-line

Per l’accreditamento ai servizi on-line del Sistema informativo agricolo piemontese (SIAP) sono previste tre differenti modalità operative, come descritto nelle istruzioni operative

Aziende agricole, agroalimentari e altri soggetti beneficiari

Il titolare o il legale rappresentante può accedere ai servizi direttamente:

Enti pubblici e privati diversi da Regione e CAA

Richiesta di accredito, designazione del responsabile al trattamento dati

(doc 82 KB)

Richiesta di accredito di un nuovo utente e incarico al trattamento dati (allegato 3)

(pdf 27 KB)

Richiesta di abilitazione nuovi servizi o di cessazione (allegato 4)

(pdf 27 KB)

 I moduli, completi dei dati richiesti, devono essere inviati a:

Regione Piemonte - Direzione Agricoltura Corso Stati Uniti, 21 - 10128 TORINO agricoltura@cert.regione.piemonte.it (la casella PEC accetta solo comunicazioni provenienti da indirizzi PEC e CEC-PAC)

Fax 011-432.5651

 


In Evidenza

20/04/2018 - CHIUSURA UFFICIO

Vi informiamo che i nostri uffici resteranno chiusi lunedì 23 aprile.







GAL GIAROLO LEADER S.R.L.
p.zza Risorgimento, 3 - 15060 Stazzano (AL)
telefono: 0143.633876 - e-mail: info@giarololeader.it - PEC: protocollo@pec.giarololeader.it
P.IVA: 01753480068 - C.F.: 01753480068


Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS! Powered by NetGuru