Giarolo Leader S.r.l.

Riferimenti pagina
Navigazione
Testo
Accessibilità

Home
LeaderUEMinisteroRegione Piemonte
cerca:
ItalianoEnglish

Il territorio

  

 cartina.jpg

 

Il territorio del Gal Giarolo Leader si estende nella parte sud orientale del Piemonte, confinando con Liguria, Emilia Romagna e Lombardia: in posizione baricentrica tra Milano e Genova, è attraversato da infrastrutture di comunicazione di grande rilievo:

  • l’autostrada A7 MI - GE, con i caselli autostradali di Serravalle Scrivia e Vignole Borbera;
  • l’autostrada A26 GE – Gravellona, con il raccordo che la riunisce alla A7 a nord di Serravalle.

Fanno parte del territorio del Gal Giarolo Leader i seguenti 56 Comuni, in provincia di Alessandria:

Albera Ligure, Arquata Scrivia, Avolasca, Berzano di Tortona, Borghetto Borbera, Brignano Frascata, Cabella Ligure, Cantalupo Ligure, Capriata d'Orba, Carbonara Scrivia, Carezzano, Carrega Ligure, Carrosio, Casalnoceto, Casasco, Cassano Spinola, Castellania, Castellar Guidobono, Cerreto Grue, Costa Vescovato, Dernice, Fabbrica Curone, Francavilla Bisio, Fraconalto, Garbagna, Gavazzana, Gavi, Gremiasco, Grondona, Momperone, Mongiardino Ligure, Monleale, Montacuto, Montegioco,  Montemarzino, Paderna, Parodi Ligure, Pasturana, Pozzol Groppo, Roccaforte Ligure, Rocchetta Ligure, San Cristoforo, San Sebastiano Curone, Sant'Agata Fossili, Sardigliano, Sarezzano, Serravalle Scrivia, Spineto Scrivia, Stazzano, Tassarolo, Vignole Borbera, Viguzzolo, Villaromagnano, Volpedo, Volpeglino, Voltaggio.

 


Pagine correlate:
Rete sentieristica

Il territorio della Provincia di Alessandria, collocato nell’estremità sud-orientale del Piemonte, è caratterizzato da ambienti naturali assai differenti tra loro: a nord le dolci colline del Monferrato e della Val Cerrina, al centro la vasta pianura alessandrina, a sud la lunga fascia appenninica che parte dolcemente dalla zona di Acqui Terme caratterizzata dalle tipiche forme calanchive, il settore Ovadese con il territorio incontaminato del Parco Capanne di Marcarolo e le Valli Curone e Borbera contraddistinte dalla presenza di un esteso manto boschivo e delle vette più elevate del territorio provinciale. L’area appenninica, al confine con il territorio della Liguria, è una delle zone più integre e selvagge dell’intero Piemonte, con bassa densità di popolazione e con una ricchezza unica non solo a livello naturalistico, ma anche architettonico, storico ed enogastronomico.

Le caratteristiche morfologiche e le vicende storiche hanno creato nei secoli una fitta rete di sentieri, mulattiere e strade minori, che in passato rappresentavano il sistema di comunicazione che garantiva la mobilità e gli scambi commerciali.

Tali percorsi, dimenticati per decenni in seguito all’abbandono del territorio, sono ora oggetto di un nuovo interesse da parte degli amanti della natura e della vita all’aria aperta e possono dunque costituire un’importante risorsa per i territori montani e collinari.

La Provincia di Alessandria ha avviato da anni un’opera di valorizzazione del proprio patrimonio escursionistico ed oggi il turista si può avvalere di un’ampia rete di percorsi infrastrutturati che danno la possibilità di visitare colline e montagne.

Percorrendo questa rete di sentieri e strade minori l’escursionista può scoprire le peculiarità del territorio: dalle bellezze dell’ambiente naturale (boschi, torrenti, flora e fauna) alle opere realizzate dall’uomo nel corso del tempo (antiche borgate, mulini, chiese), il tutto riassaporando il piacere del muoversi lentamente, con ritmi lontani dalla frenetica vita moderna, guardando il territorio con occhi nuovi e scoprendo meraviglie spesso sconosciute.

Per informazioni:

I sentieri della Provincia di Alessandria

PiemonteOUTDOOR 

Associazione La Pietra Verde

 

MANUALISTICA

MANUALE GUIDA PER L'INDIVIDUAZIONE DEGLI ELEMENTI DETRATTORI DEL TERRITORIO

(ARC. BOIOLI  -  ANNO 2012) 

Fine del Manuale Guida è quello di costuire uno strumento volto principalemte a predisporre un programma di censimento degli elementi detrattori del territorio in esame al fine di guidare le azioni di recupero dei valori del paesaggio e dell'architettura tradizionale.

Gli obbiettivi dell'operazione si possono sintetizzare in :

  • guidare le azioni di recupero dei valori del paesaggio e dell'architettura tradizionale;
  • selzionare gli interventi e le opere di maggiore impatto per migliorare le qualità del territorio;
  • censire le situazioni di degrado.

IL TESTO : PARTE PRIMA, PARTE SECONDA.

 

MANUALE GUIDA PER L'INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIE RINNOVABILI NEGLI EDIFICI ESISTENTI

(ARC. BOIOLI - ANNO 2012)

Il Manuale effettua un'analisi delle possibiltà e delle alternative presenti sul mercato, per poi procedere a una circoscrizione del campo in merito alle tecnologie più adatte ad inserirsi nel territorio di intervento, ovvero quello del GAL Giarolo.

Lo studio è finalizzato ad indirizzare le azioni di progettazione per un inserimento compatibile e integrato degli impienti di produzione di energie rinnovabili negli edifici esistenti, siano essi adibiti ad  abitazione, sedi di aziende, o ancora sedi di enti pubblici.

Gli obbiettivi generali del lavoro si possono riassumere in :

  • PROMOZIONE di un approccio responsabile sulle operazioni che investono il territorio, attraverso un coinvolgimento di tutte le componenti sociali; in particolar modo negli interventi di introduzione di impianti di enerigia rinnovabile in contesti rurali e di impianto storico, faendo fronte alle esigenze di tipo economico senza trascurare quelle di tutela paesagistico  amibientale;
  • ELABORAZIONE e DIFFUSIONE a progettisti e pianificatori locali di uno strumento concreto in grado di agevolare processi ei progettazione e procedure autorizzarive;
  • SENSIBILIZZAZIONE degli operatori pubblici e privati locali all'uso responsabile delle energie alternative. 

IL TESTO : PARTE PRIMA,  PARTE SECONDA, TIPOLOGIE DI INTEGRAZIONEPARTE TERZA

ALLEGATO : Indicazione dei costi in relazione alle rispettive categorie di integrazione

 

MANUALE GUIDA PER L'INDIVIDUAZIONE DEGLI ELEMENTI TIPICI DEL PATRIMONIO NATURALE LOCALE

(ARC. BOIOLI - ANNO 2011)

Il Manuale ha come obiettivo l'individuazione ed il recupero degli elementi tipici del patrimonio naturale locale, affrontando il problema del carattere degli ambienti di paesaggio in rapporto alle tiopologie del costruito nell'ottca della realizzazione di percorsi turistici e di progetti di sviluppo locale.

Scopo del lavoro è l'individuazione di metodi di indirizzo finalizzati alla tutelae alla valorizzazione del territorio e del paesaggio. Le azioni promosse dal presente Manuale tendono :

  • a conservare e migliorare la qualità del paesaggio naturale, attraverso il restauro, il miglioramento e la valorizzazione dei suoi assetti e dei suoi elementi tipici caratterizzanti;
  • promuovere il mantenimento, il ripristino  e la realizzazione di elementi storici strutturanti;
  • preservare gli ambiti di pregio naturalistico e tipologie naturalistiche tradizionali.

Al fine di perseguire tali obbiettivi il manuale vuole essere uno strumento di lettura  con carattere normativo e cogente per orientare le scelte di trasformazione del territorio agrario e indirizzare la realizzazione di interventi di recupero e riqualificazione.

IL TESTO : PARTE PRIMA, PARTE SECONDA,  PIANURA,  COLLINA,  MONTAGNAALLEGATI 

 

MANUALE GUIDA PER IL RECUPERO DEGLI ELEMENTI TIPICI DELL'ARCHITETTURA, DEI MANUFATTI DELLA TRADIZIONE RURALE MONTANTA E DEGLI INSEDIAMENTI MONTANI

(PROF. ARCH. PEANO - ARCH. PORTA - ANNO 2004)

Le linee guida presenti nel Manuale sono intese come strumento di supporto agli operatori del settore, decisori pubblici, committenti privati, progettisti e professionisti nell'ambito delle attivtà di progetazione con lo scopo, appunto di guidare le trasformazioni in modo adeguato a non perdere le risorse esistenti ma, al contrario, dal loro valore aggiunto.

IL MANUALE E' CONSULTABILE PRESSO LA SEDE DEL GAL GIAROLO LEADER

 


In Evidenza

13/09/2017 - OPERAZIONE 19 4 1 SELEZIONE ADDETTO ALLA SEGRETERIA - GRADUATORIA

IN DATA 12/09/2017 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA SOCIETA' HA APPROVATO LA GRADUATORIA...

22/08/2017 - DIMISSIONI DEL PRESIDENTE MONTESSORO

In data 22 agosto 2017 il Presidente Montessoro ha presentato le porprie dimissioni per problemi...

01/06/2017 - BANDO N. 1/2017 – Sviluppo e innovazione delle Filiere agricole

In data odierna si pubblica il testo del Bando n. 1/2017 unitamente ai relativi allegati...







Giarolo Leader S.r.l. ©2016
p.zza Risorgimento, 3 - 15060 Stazzano (AL)
telefono: 0143.633876 - fax: 0143.686877 - e-mail: info@giarololeader.it - PEC: protocollo@pec.giarololeader.it
P.IVA: 01753480068 - C.F.: 01753480068


Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS! Powered by NetGuru